Blog

Carenza di vitamina D : aumenta il rischio di stenosi coronarica

 

Studi recenti hanno indicato una associazione tra attività della vitamina D e rischio cardiometabolico.

Sono stati studiati i livelli di vitamina D e la loro associazione con l’aterosclerosi subclinica in uno studio di coorte basato sulla popolazione coreana ( Korean Longitudinal Study on Health and Aging, KloSHA ).

Allo studio hanno partecipato 439 uomini e 561 donne di 65 anni o più anziani.

Nella popolazione campione sono stati valutati il punteggio del calcio arterioso a livello coronarico e la stenosi utilizzando la tomografia computerizzata cardiaca multistrato, lo spessore intima-media carotideo con ecografia, la velocità dell’onda di impulso e l’indice caviglia-brachiale.

Tra i partecipanti, il 49.8%, 44.2% e 6.0% aveva carenza ( minore di 15 ng/ml ), insufficienza ( 15-29.9 ng/ml ) e valori adeguati ( maggiore o uguale a 30 ng/ml ) di 25-idrossivitamina D ( 25-OHD ), rispettivamente.

La frequenza di stenosi coronarica ( maggiore del 50% ) differiva tra le categorie di 25-OHD: 18.5, 12.9 e 1.9% nei gruppi con 25-OHD carente, insufficiente e adeguato, rispettivamente ( P minore di 0.05 ).

Dopo aggiustamento per il rischio cardiometabolico e inalterata concentrazione di paratormone, l’analisi di regressione multivariata ha mostrato che i partecipanti con una bassa concentrazione di 25-OHD avevano un rischio più elevato di stenosi coronarica; gli odds ratio ( OR ) sono stati 2.08 per una concentrazione di 25-OHD di 15-29.9 ng/ml vs almeno 30 ng/ml e 3.12 per concentrazione di 25-OHD inferiore a 15 ng/ml vs almeno 30 ng/ml ( entrambi P minore di 0.05 ).

In conclusione, l’associazione tra livelli inadeguati di 25-idrossivitamina D e aterosclerosi subclinica sottolinea le implicazioni cliniche del livello di vitamina D.
Per aumentare i livelli di vitamina D occorre modificare le abitudini alimentari, avere un’adeguata esposizione al sole e qualora non sufficiente, è necessario ricorrere alla corretta integrazione, sempre sotto il controllo di un professionista esperto.

 

Fonti :       Lim S et al, J Clin Endocrinol Metab 2012; 97: 169-178              Xagena

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *