Blog

Svelato un nuovo meccanismo di resistenza agli antibiotici

antibiotico-resistenza-in-italia-e-raddoppiata-in-dieci-anni_4920-300x208

È un “metodo di resistenza sorprendente e non ortodosso” quello che lo stafilococco aureo utilizza per raggirare l’effetto degli antibiotici di ultima linea.

Ad affermarlo Matthew Belousoff del Biomedicine Discovery Institute della Monash University di Melbourne che con il suo team è riuscito a svelare il meccanismo attraverso un microscopio elettronico per documentare a livello molecolare i cambiamenti che avvengono nei batteri quando diventano resistenti agli antibiotici.

In particolare i ricercatori hanno comparato sotto il microscopio elettronico le strutture cellulari di specie di stafilococco aureo resistenti e non resistenti, e hanno osservato che le infezioni resistenti sviluppano una mutazione a varie cellule di distanza dai ribosomi, i complessi macromolecolari responsabili della sintesi proteica.

La mutazione causa un effetto a cascata sulla sistemazione strutturale della cellula e gradualmente corrompe l’area raggiunta dall’antibiotico. Nei casi di infezione da stafilococco, circa uno su cinque è resistente agli antibiotici, ricorda lo studioso.

E l’infezione è comune nella popolazione: nella maggior parte dei casi è innocua, ma può essere letale su persone con sepsi. Quasi tutte le infezioni sono ormai diventate resistenti all’antibiotico più comunemente prescritto, la meticillina. Farmaci finora riservati come ultima linea di difesa, presto dovranno essere usati in prima istanza.

“Sappiamo che i batteri hanno una grande capacità di adattarsi ai cosiddetti stress ambientali, e nulla causa più stress quanto una forma di vita che cerca di ucciderli” scrive Belousoff.

“Ovviamente si cerca di ucciderli con gli antibiotici ma si adattano rapidamente. Finora non sapevamo come, quale fosse il meccanismo”. Gli antibiotici attaccano le infezioni interferendo con il ribosoma batterico, la parte della cellula che produce proteine. E la cellula muore se non può più produrne. “L’antibiotico funziona bloccando i processi e la cellula non può più produrre proteine, ma i batteri resistenti trovano la maniera di oleare la macchina e di riavviarla”, spiega ancora.

La scoperta riguarda al momento soltanto la dinamica con la quale lo stafilococco sconfigge il farmaco linezolid, ma il proseguimento della ricerca, unitamente alla nuova tecnologia, potrà garantire risultati positivi anche su altri ceppi batterici.

Sempre più importante risulta pertanto l’uso appropriato degli antibiotici, evitandone l’abuso purtroppo tipico degli ultimi decenni.

 

Fonte : About Pharma