Blog

Una difesa naturale contro l’Hiv

hiv_390603c-300x200

Una difesa naturale in più contro l’Hiv. Gli scienziati della Deakin University di Geelong e l’Hudson Institute of Medical Research di Melbourne, in Australia, hanno scoperto che una proteina presente nel tratto riproduttivo femminile, denominata interferon epsilon, impedisce al virus responsabile dell’Aids di replicarsi e di diffondersi. Potrebbe trattarsi di un’arma rivoluzionaria nei trattamenti contro il virus.

I ricercatori, guidati dal virologo Johnson Mak della School of Medicine dell’ateneo di Geelong, hanno pubblicato la propria indagine sulla rivista Immunology and Cell Biology. Gli studiosi hanno definito la tecnica utilizzata dalla proteina per proteggere l’organismo dal virus come “intelligente e su più fronti”.

L’interferon epsilon è un regolatore del sistema immunitario. Fluttua attraverso il ciclo mestruale ed è un meccanismo naturale che l’organismo usa per proteggere la donna da infezioni”, scrive il virologo. “Potenziando i suoi livelli naturali permetterà di prevenire la riproduzione dell’Hiv. La proteina è intelligente perché interferisce con il ciclo vitale dell’Hiv in fasi differenti”: può indurre il sistema immunitario a creare tre diversi “posti di blocco” sul percorso del virus.

Le cellule umane sane senza la proteina diventano fabbriche superattive del virus e gli consentono di moltiplicarsi. Mentre per quelle protette, l’ingresso dell’hiv è più complicato. Il secondo step avviene qualora il virus riuscisse a entrare in alcune cellule: in questo caso la proteina riesce a bloccarlo prima che raggiunge il centro della cellula. Infine, la terza tecnica, se le prime due non vanno a buon fine: fare in modo che il virus si moltiplichi in versioni difettose. Resta da capire se potrà avere il medesimo effetto sugli uomini e se potrà essere utile per contrastare altre malattie trasmesse sessualmente.

 

Fonte :  AboutPharma