Blog

Allergie alimentari: sempre più in aumento

indexL’allergia alimentare è una reazione del sistema immunitario nei confronti di un alimento o di un suo componente che negli ultimi anni sta colpendo un numero sempre crescente di persone.

Si definiscono intolleranze alimentari quelle reazioni che non coinvolgono il sistema immunitario, per quanto recentemente, soprattutto in ambito nutrizione dello sport, si è iniziato a ricercare una possibile correlazione ed implicazione dello stesso.

La reazione allergica si caratterizza da :

– contatto con l’allergene presente nell’alimento
– aumento dei livelli di immunoglobulina E ( IgE )
– presenza di mastociti e cellule basofile .

In presenza di un allergene in un alimento il sistema immunitario produce anticorpi in risposta all’agente estraneo.

I principali sintomi dell’allergia alimentare sono : edema della glottide , ispessimento delle labbra, orticaria, crampi di stomaco, vomito, diarrea, eruzioni cutanee , eczemi, raffreddore e problemi respiratori, cefalea , debolezza muscolare agli arti superiori ed inferiori.

Lo shock anafilattico è una reazione più grave , che può portare a morte e richiede cure mediche immediate.

Una delle più comuni forme di allergia alimentare è l’allergia alle arachidi , alle noci e alle nocciole.

I Ricercatori del St Mary’s Hospital at Imperial College di Londra e dell’University of Bristol ( UK ) hanno studiato una coorte di 13.971 bambini in età prescolare con l’obiettivo di identificare i soggetti con una storia di allergia alle arachidi.

Un totale di 49 bambini presentava una storia di allergia alle arachidi.

L’allergia è stata confermata dall’esposizione alle arachidi in 23 bambini su 36.

Non è emersa alcuna evidenza di sensibilizzazione prenatale.

Le IgE specifiche per le arachidi non sono state individuate nel sangue del cordone ombelicale.

L’allergia alle arachidi è risultata associata in modo indipendente all’assunzione di latte di soia o di prodotti di soia ( odds ratio 2.6 ) .

E’ anche emersa una relazione significativa tra l’allergia alle arachidi e l’impiego di preparazioni dermatologiche a base di olio di arachidi ( odds ratio 6.8 ) .

I dati dello studio indicano che la sensibilizzazione alle proteine delle arachidi può avvenire nei bambini attraverso l’applicazione di olio di arachidi sulla pelle infiammata.
La relazione con le proteine della soia potrebbe originare dalla sensibilizzazione crociata attraverso epitopi  (o determinante antigenico: piccola parte di antigene che lega l’anticorpo specifico) comuni.

 

Fonte :      The New England Journal of Medicine