Blog

Alti livelli di acido urico possono predire gli eventi cardiovascolari e cerebrovascolari nelle donne in post-menopausa

indexGli alti livelli di acido urico sono in grado di predire in modo indipendente gli eventi avversi cardiovascolari e la mortalità nelle donne in postmenopausa: l’effetto è risultato più pronunciato per gli eventi cerebrovascolari.

In precedenza era stato dimostrato che l’acido urico è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Le donne in post-menopausa hanno spesso alti livelli di acido urico.  Ricercatori dell’Università Magna Grecia di Catanzaro hanno esaminato se i livelli di acido urico nelle donne in postmenopausa fossero in grado di prevedere la morbilità e la mortalità cardiovascolare.  Sono state analizzate 645 donne ( età media, 54 anni ) in postmenopausa in ambito ambulatoriale, che non stavano assumendo terapia ormonale sostitutiva o farmaci che avrebbero potuto interferire con i livelli di acido urico.  L’endpoint primario era rappresentato da eventi avversi cardiovascolari maggiori, definiti come morte cardiovascolare, infarto miocardico, ictus o rivascolarizzazione coronarica.

Il periodo di follow-up medio è stato di 72.5 mesi.

Le donne sono state stratificate in terzili in base al livello di acido urico. Quelle con più elevati livelli di acido urico avevano una maggiore probabilità di essere più anziane e di essere fumatrici correnti ( p inferiore a 0.0001 per entrambe le relazioni ), rispetto a quelle con livelli più bassi.  Nel corso del periodo osservazionale si sono verificati 90 nuovi eventi cardiovascolari ( 2.31% ); di questi, 62 erano eventi coronarici e 28 erano eventi cerebrovascolari. Rispetto ai terzili più bassi e medi, le donne nel più alto terzile di livello di acido urico avevano un più alto tasso di eventi cardiovascolari non-fatali ( livello più basso, 1.52%, intermedio, 2.03%, più alto, 3.15%; P =0.009 ) ed eventi avversi cardiovascolari maggiori ( basso livello, 1.59%; intermedio, 2.11%; più alto, 3.23%; P = 0.011 ).  Sono state trovate differenze tra i gruppi negli eventi cerebrovascolari ( basso livello, 0.3%; intermedio, 0.62%; più alto, 1.15%; P = 0.027 ), ma non negli eventi coronarici ( P=0.214 ).

Dallo studio è emerso che l’acido urico è risultato associato in modo indipendente a eventi avversi cardiovascolari maggiori incidenti ( hazard ratio, HR=1.248; P = 0.001 ), eventi cerebrovascolari ( HR=1.657; p inferiore a 0.0001 ) ed eventi totali, definiti come eventi avversi cardiovascolari maggiori più mortalità per qualsiasi causa ( HR=1.391; p inferiore a 0.0001 ).

Una possibile spiegazione è che l’attivazione del sistema renina-angiotensina correlata all’acido urico sia in grado di alterare la circolazione cerebrale.

Ancora una volta la prevenzione, il corretto stile di vita e l’appropriata abitudine alimentare risultano essere gli strumenti migliori per ottimizzare la propria qualità ed aspettativa di vita.

Fonte:  Xagena,2015 – International Journal of Cardiology, 2015 – Cardio,2015 – Neuro,2015                        Gyne,2015