Month: marzo 2016

I batteri intestinali responsabili del senso di sazietà ?

Un recente studio ha evidenziato la relazione esistente tra  batteri contenuti nell’ intestino umano ( microbiota )  ed il senso di sazietà. Venti minuti dopo un pasto composto da nutrienti in grado di stimolare la crescita batterica intestinale, i batteri  Escherichia Coli commensali producono una serie di proteine tra le quali la ClpB,  non prodotte […]

Read More

Alti livelli di acido urico possono predire gli eventi cardiovascolari e cerebrovascolari nelle donne in post-menopausa

Gli alti livelli di acido urico sono in grado di predire in modo indipendente gli eventi avversi cardiovascolari e la mortalità nelle donne in postmenopausa: l’effetto è risultato più pronunciato per gli eventi cerebrovascolari. In precedenza era stato dimostrato che l’acido urico è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Le donne in post-menopausa […]

Read More

Uso appropriato delle proteine nell’atleta

La somministrazione supplementare di proteine in persone che svolgono attività sportiva è argomento di costante attualità e molto dibattuto: esistono infatti opinioni diverse e a volte contrastanti inerenti l’utilizzo e la reale efficacia di questi nutrienti. Recentemente l’International Society of Sports Nutrition ha redatto in maniera chiara e documentata scientificamente diversi punti fondamentali per orientare […]

Read More

L’allattamento al seno può ridurre il rischio di recidiva e di morte per carcinoma della mammella

L’allattamento al seno è associato a una diminuzione del rischio di tumore della mammella, ma i suoi effetti sulla prognosi e sulla sopravvivenza correlate al sottotipo tumorale non sono ancora del tutto noti. Uno studio di coorte ha preso in esame 1.636 donne sopravvissute a cancro della mammella, provenienti da due coorti prospettiche, utilizzando il […]

Read More

Cautela nell’uso di farmaci e integratori ! Aumenta l’uso di combinazioni pericolose tra farmaci e farmaci ed integratori

Per prevenire spaicevoli inconvenienti ed effetti collaterali è sempre più fondamentale affidarsi a professionisti esperti e realmente competenti quando si decide di assumere una qualsiasi sostanza a fini preventivi o curativi, sia essa un farmaco, un rimedio naturale o un integratore alimentare. Infatti anche i farmaci usati più comunemente e in apparenza innocui, come quelli […]

Read More

Osteoporosi: le donne sottoposte a terapia con bifosfonati sono ancora a rischio di fratture

Sempre di più si avvalora la tesi che la prevenzione risulta essere la scelta ottimale e più redditizia ! La corretta alimentazione è certamente uno degli strumenti più importanti per evitare l’insorgere delle patologie o quanto meno per ritardarne la comparsa, questo anche e soprattutto per quanto riguarda il problema osteoporosi. Diventa difficile ricostituire la […]

Read More

Relazione tra livelli di melatonina e gravità della sclerosi multipla

Uno studio, pubblicato su Cell, ha mostrato che le recidive di sclerosi multipla possono essere causate da cambiamenti nei livelli di melatonina nelle stagioni primaverili ed estive. I ricercatori del Brigham and Women Hospital di Boston, Massachusetts ( Stati Uniti ) in collaborazione con ricercatori argentini, hanno studiato 139 pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente, al […]

Read More

Bassi livelli di vitamina D durante la gravidanza associati a un più alto rischio di sclerosi multipla nei figli

I bambini possono essere a maggior rischio di sviluppare sclerosi multipla nel corso della vita se la propria madre presenta una carenza di vitamina-D nelle prime fasi della gravidanza. E’ noto che la sclerosi multipla ha una maggiore prevalenza nelle latitudini settentrionali, dove i bassi livelli di vitamina D possono essere una conseguenza di una […]

Read More

Carenza di vitamina D e depressione nelle giovani donne

Lo studio ha misurato i livelli di vitamina D tra 185 giovani donne sane residenti negli Stati Uniti, e ha valutato i sintomi depressivi. Le studentesse universitarie avevano preso parte a un’indagine sulla depressione in autunno, inverno e primavera per un totale di 4 settimane. Inoltre erani stati raccolti campioni di sangue con l’obiettivo di […]

Read More

Dieta ricca di fibre e possibile riduzione del rischio di cancro al seno

Consumare più fibra durante l’adolescenza e nella fase precoce dell’età adulta potrebbe essere un fattore importante nel ridurre il rischio di tumore alla mammella nel corso della vita. I livelli di ormoni sessuali steroidei sono fortemente correlati allo sviluppo del cancro al seno; è stato ipotizzato che una dieta ricca di fibre sia in grado […]

Read More