Blog

Russia: vietati tutti gli alimenti ad uso umano e animale a base di OGM

OGM-Suzuky

Il Governo Russo ha deciso di vietare completamente l’uso di ingredienti geneticamente modificati in tutte le Produzioni Alimentari.

Pensare che gli OGM riguardino solo l’America si sappia che tutta la carne, latte e uova che mangiamo sono OGM a meno che non venga dichiarato esplicitamente che non è impiegato l’uso di mangimi geneticamente modificati. I danni per la salute sono enormi. La Russia, ha deciso di salvaguardare la salute dei propri cittadini e del suo ambiente ed animali, vietando completamente l’uso di ingredienti geneticamente modificati in ogni e qualsiasi produzione alimentare.
In Italia con la normativa europea introdotta nel 2004, tutti i prodotti contenenti OGM fino allo 0.9% non lo devono dichiarare. Inoltre latte, carne, uova e formaggi derivanti da animali che sono stati nutriti con OGM non devono riportarlo in etichetta. Come si vede l’informazione è tutt’altro che trasparente. Inoltre quando la percentuale supera lo 0.9% non troviamo la scritta OGM tra gli ingredienti, ma semplicemente sigle del tipo “amido modificato” che sembra qualcosa di normale per nascondere una realtà agghiacciante.
I prodotti OGM sono anche coltivati grazie all’abbondante uso del famoso erbicida Glifosato che è stato dichiarato essere una sostanza cancerogena dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ha fatto scalpore il fatto che anche lo stesso cotone usato per vestiti ed igiene intima sia stato scoperto essere pieno di questa sostanza tossica.
“Per quanto riguarda gli organismi geneticamente modificati, abbiamo preso la decisione di non usare gli OGM nelle produzioni alimentari“, ha affermato il vice premier Arkady Dvorkovich nel corso di una conferenza internazionale sulla biotecnologia.
Se questo annuncio venisse realizzato negli Stati Uniti significherebbe una trasformazione totale nell’industria alimentare. Ma in Russia, l’integrazione di OGM non è minimamente allo stesso livello degli Stati Uniti.
Negli Stati Uniti, il 90% delle colture di mais sono geneticamente modificate, insieme al 94% della soia e al 94% del cotone. Il divieto di OGM nella produzione alimentare cambierebbe radicalmente l’intera catena alimentare. In Russia, invece, il paese è molto più pronto per una rivoluzione alimentare OGM.
Come riporta il quotidiano russo RT: “Secondo le statistiche ufficiali la quota di OGM nel settore alimentare russo è scesa dal 12 per cento al solo 0,01 per cento negli ultimi 10 anni, e attualmente ci sono solo 57 prodotti alimentari contenenti OGM nel paese. La legge che ordinerà l’etichettatura obbligatoria OGM che potrebbero entrare in contatto con l’ambiente entrerà in vigore a metà del 2017 “.
Il presidente Vladimir Putin vuole tenere gli OGM fuori dal paese rimanendo in conformità con le leggi dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC). In un discorso recente rivolgendosi ai membri del Consiglio della Federazione Russa ha dichiarato:
“Abbiamo bisogno di costruire correttamente il nostro lavoro in modo che non sia in contrasto con i nostri obblighi nell’ambito dell’OMC. Ma dobbiamo comunque usare metodi e strumenti legittimi per proteggere il nostro mercato, e soprattutto i cittadini. ”
L’Italia, che ha una cultura millenaria del buon cibo, dovrebbe difendere e sostenere le colture tradizionali invece di soppiantarle a favore di sementi standardizzante prive di nutrienti provenienti dalle multinazionali come la Monsanto. Queste aziende producono prodotti che stanno distruggendo il pianeta, le api e producono piante sterili e che rendono l’uomo sterile. La tecnologia può essere usata per tante cose belle, ma questo non è il caso purtroppo.

FONTE : http://www.dionidream.com/russia-vieta-ogm/

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *